GDPR Cookies

Accetta Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono i Cookie

I cookies sono brevi file di testo che possono essere salvati sul computer dell'utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su Internet, per esempio smartphone o tablet) quando esso visita i siti web.

Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene e la "durata vitale" del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell'utente).

La presente Cookie Policy ha lo scopo specifico di illustrare i tipi, le modalità di utilizzo di cookie presenti su questo sito web.

Tipi di Cookie utilizzati all’interno del sito web

  1. Cookie tecnici

1 - a) Cookie di Navigazione per il funzionamento del sito web

Il presente sito utilizza cookies di sessione al fine di offrire un servizio più efficiente. L'uso di tali cookies è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire di fornire i servizi e le funzioni dei Siti Web in modo completo.

1 - b) Cookie Google Analytics

Raccolgono e analizzano in forma anonima e/o aggregata le informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori (pagine visitate, ...) per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.

Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare in qualche modo l'utente.

  1. Cookie di profilazione Google Analytics

Il presente sito ha implementato anche i rapporti sui dati demografici e gli interessi di Google Analytics.

È possibile negare il consenso all'uso dei cookie Google Analytics per la pubblicità display e/o personalizzare gli annunci della Rete Display di Google nei seguenti modi:

Con l'utilizzo di questo sito, lei dichiara il suo consenso al trattamento dei dati da parte di Google Ireland e www.fornidisopra.it per le modalità e i fini sopraindicati.

Per ulteriori approfondimenti sulla privacy di Google rimandiamo a questo link: https://support.google.com/analytics/answer/6004245?hl=it

Come disabilitare i cookies

La maggioranza dei browser Internet sono inizialmente impostati per accettare i cookies in modo automatico. L'utente può modificare queste impostazioni per bloccare i cookies o per avvertire che dei cookies vengono mandati al dispositivo dell'utente medesimo.

Esistono vari modi per gestire i cookies.

L'utente può fare riferimento al manuale d'istruzioni o alla schermata di aiuto del suo browser per scoprire come regolare o modificare le impostazioni del suo browser.

In caso di dispositivi diversi (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), l'utente dovrà assicurarsi che ciascun browser su ciascun dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookies.

Per informazioni su come modificare le impostazioni dei cookies seleziona qui sotto il browser che stai utilizzando:

Da vedere a Forni di Sopra

Festa delle Erbe di Primavera, Forni di Sopra 2020

Due fine settimana dedicati alle erbe spontanee di montagna. Alla storica Storica Festa delle Erbe di Forni di Sopra è possibile partecipare alle passeggiate botaniche che ti sveleranno i segreti delle piante alimentari ed officinali.

Domenica 21 e 28 giugno alle ore 11:30 si terrà lo spettacolo della rievocazione storica della Fienagione, basata sulla poesia di Mario Cedolin.

festa delle erbe 2020 fienagione


Alle erbe spontanee è dedicata una delle feste più caratteristiche delle montagne Friulane: la Festa delle Erbe di Primavera che nel 2020 si svolgerà nei giorni 20-21 e 27-28 di giugno con un programma ricco di attività anche per i più piccoli tra cui escursioni, animazioni e giochi all’aperto, mostre, degustazioni e le immancabili passeggiate con l’Asinello Biagio diventato ormai simpatica mascotte del paese.

Fiore all’occhiello delle Dolomiti Friulane, Forni di Sopra è tra le località più apprezzate dalle famiglie in Friuli Venezia Giulia ed è proprio qui che nel cuore di una conca ampia e soleggiata fioriscono in estate centinaia di specie di erbe e fiori. Tramite splendide passeggiate botaniche si potranno scoprire i doni della montagna imparando a riconoscere i fiori e le piante officinali. L’appuntamento è domenica 21 e domenica 28 giugno alle ore 10 con passeggiate guidate dal titolo “Profumi e colori delle erbe e dei fiori“.

 mascotte festa delle erbe forni di sopra

 

Imperdibile per i più piccoli – sabato 27 giugno alle 10 – la passeggiata nella natura in compagnia dell’asino Biagio, con storytelling a cura del Parco Dolomiti Friulane. I bambini potranno cavalcare, condurre ed accudire l’asino Biagio, ascoltando storie e leggende del luogo e su piante e animali del Parco. L’attività, che si svolge in occasione della giornata “Natura senza barriere” è adatta a tutti, anche disabili in carrozzina.

Novità di quest’anno – sabato 20 e sabato 27 giugno alle 15 – il Forest Bathing: escursione dedicata alla flora e alla vegetazione, con rilassanti e rigeneranti esperienze sensoriali di immersione nella natura e preparazione di prodotti cosmetici a base di piante.

Non solo passeggiate tra i sentieri. La festa delle Erbe prevede anche mostre dove osservare come le tradizioni si sono conservate negli anni e per imparare storie tramandate sull’uso delle erbe.

Ma la Festa delle Erbe è soprattutto una festa per il palato. In occasione della manifestazione, i ristoranti, i bar e i locali di Forni di Sopra offrono menù speciali, per gustare le erbe spontanee delle Dolomiti. Le erbe di montagna verranno sapientemente distribuite in piatti particolari per far scoprire sapori nuovi ed indimenticabili. Si possono trovare tutte le proposte di menu sulla pagina Facebook dell’evento.

Sapori inaspettati in luoghi magnifici, questi sono gli ingredienti della Festa delle Erbe, un’occasione unica per conoscere ed assaporare la piacevolezza della montagna. L’appuntamento è nei weekend 20-21 e 27-28 giugno. L’evento è organizzato nella piena osservanza delle norme igienico-sanitarie per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

 🌱 PROGRAMMA FESTA DELLE ERBE 2020

SCARICALO QUI 🌿

 

🍽 MENU FESTA DELLE ERBE 2020

SCARICALO QUI 🥗


Escursioni e animazioni:

Sabato 20 giugno // ore 15.00 // Forest Bathing

20 giu Forest bathing festa delle erbe forni di sopra


Domenica 21 giugno // ore 10.00 // Profumi e colori delle erbe e dei fiori

21 giu profumi e colori


Sabato 27 giugno // ore 10.00 // La Natura in compagnia dell'asino Biagio

27 giu passeggiata con Biagio


Sabato 27 giugno // ore 15.00 // Forest Bathing

27 giu Forest bathing festa delle erbe forni di sopra


Domenica 28 giugno // ore 10.00 // Profumi e colori delle erbe e dei fiori

28 giu profumi e colori

 

L’evento è organizzato nella piena osservanza delle norme igienico-sanitarie per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.


 AGGIORNAMENTI PROGRAMMA SULLA PAGINA FACEBOOK DELL'EVENTO:

https://www.facebook.com/festadelleerbe


 

 

Fiore all’occhiello delle Dolomiti Friulane, Forni di Sopra è tra le località più apprezzate dalle famiglie in Friuli Venezia Giulia, ed è proprio qui che nel cuore di una conca ampia e soleggiata fioriscono in estate centinaia di specie di erbe e fiori: è proprio da qui che fino dal ‘500 la Serenissima Repubblica di Venezia si approvvigionava di erbe di montagna da utilizzare in cucina e in medicina.

 

fiori festa delle 9erbe forni di sopra primavera

 


L'edizione 2019 ha visto, per la prima volta, sfilare una decina di modelle per le vie del paese, vestite con abiti ricavati da prodotti del territorio ispirati alla natura. La sfilata é stata organizzata dall'Atelier "PrinciPIANTE" di Forni di Sopra.

 

Guarda le foto delle modelle...

 

 

FESTA DELLE ERBE 2019 MODELLE

 

VIDEO:



A Forni di Sopra una rete di sentieri consente di apprezzare sia gli aspetti naturalistici che quelli antropici dell’ambiente alpino presentando sempre riferimenti concreti sul territorio. La forma delle montagne, la vegetazione molto diversificata, le tracce degli animali e la vicinanza delle sorgenti del Tagliamento rappresentano i temi naturalistici principali; la presenza di antiche stalle, ruderi e pascoli abbandonati raccontano invece la storia dell’uomo in questa valle. Passeggiate semplici con poche salite su strade forestali: il “primo contatto” ideale dei bambini con la montagna.

Se si è fortunati lungo i sentieri che attraversano i boschi è possibile incontrare Harluck, il folletto che a Forni di Sopra è di casa e che vive nei pressi di un larice secolare, uno dei più grandi e antichi della zona. Il percorso, non difficile, è tabellato e invita a seguire le tracce del folletto con il caratteristico cappello rosso. Harluk fa parte della grande famiglia dei folletti di queste zone, gli sbilfs, indiscussi protagonisti dell’immaginario locale tramandato oralmente da padre in figlio: gli Sbilfs animano i boschi, con i loro scherzi e i loro racconti e le loro danze.


 Erbario Forni di Sopra

INFORMAZIONI SULLA FESTA DELLE ERBE:

 

Promo Turismo

INFOPOINT 

Via Cadore, 1
I - 33024 Forni di Sopra (UD)
tel. +39 0433 886767
fax +39 0433 886686
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

 

 

Il Fiume Tagliamento scorre selvaggio dalle Dolomiti al mar Adriatico.

Il fiume Tagliamento è considerato come uno degli ultimi fiumi davvero naturali in Europa e per molti è uno dei fiumi più belli al mondo.

fiume tagliamento escursioni

Nasce poco a nord ovest dell'abitato di Forni di Sopra (Udine) l'ultimo grande fiume dell’Europa centrale che ancora scorre liberamente. Il suo greto ghiaioso può essere visto addirittura dal satellite, a disegnare un vero e proprio corridoio per le specie in migrazione.

Nella valle di Forni di Sopra, la prima che il fiume Tagliamento incontra lungo il suo corso è possibile ammirarlo in tutta la sua bellezza selvaggia. In periodi di poca portata diventa un richiamo per bambini ed adulti che si rinfrescano nelle fredde acque (temperatura inferiore ai 10 gradi anche d'estate). La rete dei sentieri, i percorsi di Mountain Bike, le gite a cavallo e  la pista invernale per lo sci di Fondo si sviluppano lungo l'alveo del Tagliamento offrendo, oltre allo sport, anche dei suggestivi scorso naturalistici e paesaggistici.

 

Il Fiume tagliamento richiama studiosi da tutto il mondo:

In Friuli giungono professori e gruppi di studio da università europee, soprattutto alpine, ma anche dalle Montagne Rocciose degli Stati Uniti, per vedere com’è fatto e per avere una forma di confronto ed ispirazione per riportare allo stato naturale fiumi ormai compromessi in altre parti del mondo.

Alcune università, come quella di Erfurt, organizzano ogni anno delle settimane di studio per gli studenti e per far incontrare sul Tagliamento esperti europei durante quelle che chiamano ‘Alpine Rivers Conferences’.

Il fiume Tagliamento à uno degli ultimi fiumi europei a conservare il suo corso originario. Si può ammirare il suo corso sinuoso con le acque limpide e chiare circondate da un ampio letto di ghiaie.

Nasce lungo la strada che porta al Passo della Mauria, a 1.195 m di altitudine, poco a nord di Forni di Sopra nelle Dolomiti Friulane o d'Oltre Piave. Il punto preciso della sorgente si trova in Comune di Lorenzago di Cadore (regione Veneto). Lungo il suo scorrere attraversa prima la valle di Forni di Sopra per proseguire attraverso la Carnia e tutta la provincia di Udine diventando per molti tratti il confine naturale con la provincia di Pordenone.
Nel tratto medio-basso del suo percorso, il fiume Tagliamento determina il confine tra la regione Friuli Venezia Giulia e Veneto, sfociando nel mar Adriatico, precisamente nel Golfo di Venezia tra Lignano Sabbiadoro (UD) e Bibione (VE).

A monte, lungo la valle di Forni di Sopra, la portata d'acqua è ovviamente ridotta vista la vicinanza della sorgente. I primi affluenti sono il torrenti: Tòr, Fossiana, Giaf, Tollina e numerosi altri rivoli dall'acqua limpida e pulita.
Lungo lo scorrere nella bassa friulana, il punto più stretto dell'alveo raggiunge i circa 150 m di larghezza alla stretta di Pinzano, dove il fiume ha scavato il suo passaggio fra le rocce. Il letto è costituito da diverse rocce calcaree, dolomia ma anche arenaria ed elementi di origine vulcanica. Essendo questa ghiaia molto permeabile, assorbe facilmente le acque, che pertanto diminuiscono sensibilmente di portata lungo tutto il corso dell’alta pianura.

Il fiume Tagliamento viene ritenuto un ecosistema estremamente prezioso ed interessante, essendo considerato l’ultimo corridoio fluviale morfologicamente intatto delle Alpi. Infatti per buona parte del corso, ed in particolare nel medio tratto fino a Pinzano, l’intervento invasivo dell’uomo è stato pressoché nullo e le dinamiche fluviali presentano un grado di naturalità unico in Europa. Grazie a questa sua caratteristica, il Tagliamento viene studiato da università ed istituti di ricerca di tutto il mondo, ed è stato preso a modello per interventi di ri-naturalizzazione fluviale.

Dal punto di vista morfologico, il Fiume Tagliamento si caratterizza per la sua dinamica a canali intrecciati: numerosi navigli d’acqua si intrecciano su di un letto ghiaioso molto ampio. La varietà di specie vegetali presenti nel Tagliamento è notevole: la maggior ricchezza si ha nella parte di medio corso compresa tra Amaro e Cornino, nei cui pressi c’è un’importante riserva naturale. L’alveo del fiume si comporta come un corridoio naturale sia longitudinale che latitudinale, che mette in comunicazione gli habitat tipicamente montani con quelli della pianura.

Il regime del Fiume Tagliamento è assai irregolare e per questo motivo viene classificato fra i fiumi a carattere torrentizio.

La Regione Friuli Venezia Giulia sostiene la candidatura del bacino del Tagliamento a “Riserva della biosfera” dell’Unesco, avanzata dal WWF european alpine programme (Ealps), attraverso la stipula di un protocollo d’intesa con il Veneto, i Comuni, i Gruppi di azione locale (Gal), le associazioni ambientaliste e altri soggetti portatori di interesse.

 

RIFUGIO GIAF  FORNI DI SOPRA, DOLOMITI FRIULANE

Il Rifugio Giaf è situato a quota 1400 m. sul versante nord-est dei Monfalconi e Monte Cridola, le guglie più belle delle Dolomiti Friulane e D'Oltre Piave. 

il Rifugio, di proprietà del comune di Forni di Sopra, è gestito dalla locale sezione del Club Alpino Italiano e sorge su un ripiano boscoso alla base del Coston di Giaf nell’omonima valle. L’ambiente è tipicamente dolomitico con cime frastagliatissime ed arditi torrioni dalle pareti nude e lisce che contrastano con il verde dei boschi situati sui più dolci versanti alla loro base.

RIFUGIO GIAF forni di sopra

STORIA DEL RIFUGIO GIAF: un tempo sul luogo esisteva una malga; i lavori per la trasformazione in rifugio iniziarono nel 1938 ad opera della Guida Alpina Iginio “Bianchi” Coradazzi (che in quei luoghi faceva il pastore), con l’aiuto della moglie e dei figli.

Nel trasporto del materiale dal fondo valle collaborarono anche alcuni volonterosi del paese di Forni di Sopra; ciò permise anche la costruzione della cappella votiva in memoria di Erminio Cella. Nel corso defli anni il Rigugio Giaf è stato ristrutturato varie volte, grazie all'impegno del Comune di Forni di Sopra, del C.A.I. e di alcuni gestori.
il Rifugio è disposto su due piani, al piano terra vi è la cucina, i servizi e la sala da pranzo con un piccolo bar ed il "Larin" o "Fogolâr" caratteristico focolare a legna con le pache attorno, ideale per le serate in rifugio, accompagnate da un buon bicchiere di vino o di grappa locale. Al secondo piano e sottotetto vi sono le camere.

Il Rifugio Giaf è dotato di area Pic-Nic esterna, piccolo parco giochi per bambini, casetta - bivacco, stallone per cavalli, ed una Cappella votiva dedicata ai caduti della Montagna. Ogni prima domenica di agosto, qui si tiene una cerimonia di commemorazione dei caduti ed, a seguire, la festa della montagna.

Come arrivare al Rifugio Giaf: Il rifugio Giaf è raggiungibile seguendo la carrozzabile dalla frazione di Forni di Sopra Chiandarens (962 m). La strada è asfaltata nel primo tratto, poi diventa strada bianca accessibile solo con fuoristrada dai clienti del Rifugio. é possibile salire a piedi sia attraverso la strada forestale che attraverso la "scorciatoia" sentiero n° 346. Il Giaf è raggiungibile anche dal Passo della Mauria (1249 m) con il sentiero 341 in circa 2 ore.

PROPOSTE ESCURSIONISTICHE:
Rif. Pordenone (per la Forc. Urtisiel, sent. 361, ore 4, E; per il Biv. Marchi Granzotto); al rifugio Flaiban Pacherini (per il “Truoi dai Sclops ” sentiero delle genzianelle, segnavia personalizzato, ore 7.30, E); anello di Bianchi (sent. personalizzato, ore 2.30, E); AltaVia n°6; CarniaTrekking; Anello della Dolomiti Friulane; Anello del Cadore .

PROPOSTE ALPINISTICHE:
Cima Urtisiel, via normale al monte Cridola; cima Porton di Monfalcon; Cime dei Monfalconi, Punta Cozzi, Punta Savorgnana.

SCI ALPINISMO:
Nella stagione invernale il Rifigio Giaf è il crocevia di molte escurioni sci-alpinistiche sui versanti nord delle Dolomiti Friulane, le più classiche ascensioni sci alpinistiche della zona sono: Forcella Pecoli, Forcella Cason, Forcella Urtisiel, Val Monfalcon di Forni, Forcella Scodavacca, Taccadel Cricola e molte altre. La strada che da fondovalle sale verso il rifugio viene battuta con il gatto delle nevi e diventa così un tracciato ideale per le Ciaspole o le escursioni sulla neve (con i ramponcini).

RIFUGIO GIAF forni di sopra dolomiti friulane


  
 
Contatti Rifugio Giaf:
Gestori: Tommaso Lizzi, Alessandro Puntoriero e Marco Politi
Tel: 338.7856338
Emal: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
  

 

IN VOLO SULLE GUGLIE DELLE DOLOMITI FRIULANE

Cortometraggio Cacciatori di Guglie

Un filo conduttore sembra collegare il destino di guglie e pinnacoli dolomitici a quello del nostro pianeta: tutti in equilibrio, ma anche in pericolo sotto l'insidia delle mutazioni climatiche. Il video racconta in sintesi l'attività di ricerca dei più suggestivi pinnacoli delle Dolomiti Friulane.

 

ERBARIO DI FORNI DI SOPRA

GIOVANNI CAPOSASSI - ELDA SCHIAULINI

L'Erbario di Forni di Sopra si compone di oltre 1000 piante raccolte, catalogate e descritte da Giovanni Caposassi assieme alla moglie Elda Schiaulini.

 

erbario caposassi fornidisopra

 

giovanni caposassi fornidisopraGiovanni Maria Caposassi, nato a Forni di Sopra il 13 maggio 1914, è stato un valente appassionato di botanica, componente del Comitato Fortunato De Santa ed autore di uno splendido Erbario capolavoro per la meticolosa disposizione e classificazione.

L'erbario di Forni di Sopra si compone di diversi schedari contenenti le piante essiccate, disposte una per foglio con le descrizioni scritte a mano direttamnte da Giovanni Caposassi. I raccoglitori sono numerati così come le singole schede ed oggi sono conservati da un altro grande appassionato botanico e micologo: Armando Clerici "Danta".

Negli anni '90, per preziosa iniziativa di Marino De Santa "Pitaciu", si è realizzata la scansione di tutto l'erbario.

Ogni pianta ha un codice univoco che è stato riportato anche nel database online ospitato su questo sito, consente la ricerca di piante e fiori di montagna, utilizzando la stessa categorizzazione stabilita da Caposassi:

- codice della pianta

- nome botanico in latino

- nome volgare, comunemente usato

- nome in Fornese, (dialetto locale) 

comprende inoltre le indicazioni del genere e della famiglia, l'habitat, il tempo di fioritura l'altitudine, la località di raccolta ed alcune indicazioni sulla diffusione ed utilizzo delle piante.

 

A partire dall'estate 2019 alcuni volontari hanno iniziato a raccogliere le immagini reali delle piante, fotografandole direttamente nei prati del corcondario di Forni di Sopra. Queste immagini ad alta risoluzione vengono inserite nelle rispettive schede erbario e consentono un migliore riconoscimento della pianta.

 

Eventuali ben accetti contributi ed immagini delle piante e dati sul loro utilizzo possono essere inviate alla email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Finora ci hanno inviato delle foto:

- Tommaso Lizzi

- Elena Sburlino

- Noemi Filippini

- David kape

- Marino Pitaciu

- Armando Clerici "Danta"

 

 

La consultazione dell'erbario di Forni di Sopra è gratuita.

 
 
 

 
 

PRIMAVERA A FORNI DI SOPRA - Dolomiti Friulane