Forni di Sopra

Perla Alpina - Dolomiti Friulane

Displaying items by tag: dolomiti

Birrificio Foglie D'Erba a Forni di Sopra

La Birra Artigianale con dentro l'acqua delle Dolomiti Friulane.

Sgorga nella Valle di Giaf, in una sorgente situata 1200 metri di quota, l'acqua cristallina che compone, assieme agli altri speciali ingredienti, la Birra Artignalale Foglie D'Erba di Forni di Sopra.

Anche per questo il Birrificio Artigianale Foglie D'Erba è inserito nella rete di Qualità Dolomiti UNESCO. 

acqua dolomiti friulane birrificio foglie d'erba

 

 

GUARDA IL VIDEO

Visita al Birrificio ed intervista al Mastro Birraio Gino Perissutti 😃 Alla scoperta dei produttori di qualità delle Dolomiti UNESCO. Un bel messaggio di positività da un'azienda ammirata in tutta Italia! Video realizzato da Titta Martinis per la Fondazione DOLOMITI UNESCO


 

 

Il birrificio Foglie d’erbail nome è preso dal titolo di una celebre raccolta di poesie di Walt Whitman — il 15 luglio 2018 ha festeggiato i suoi primi dieci anni. Possono sembrare pochi, ma per la velocità a cui la scena birraria italiana si sta trasformando, sono sufficienti ad inserirlo tra i nomi “storici” del movimento.

Gino Perissutti realizza la prima cotta nel luglio del 2008, con un piccolo impianto da 180 litri, collocato al piano terra dell’albergo di famiglia, l’Hotel Coton — soprannome dato al papà di Gino, nato settimino e quindi tenuto nel “cotone”, in tempi in cui le incubatrici erano ancora il futuro — in centro a Forni di Sopra.

 

gino perissutti coton birra foglie derba forni di sopra

 

Nel 2012 il successo del birrificio costringe ad affrontare un primo spostamento, in “esilio” nella vicina Forni di Sotto, per poi tornare definitivamente, nel gennaio del 2015, al paese natale, in un’ampia struttura, perfettamente integrata nel territorio, con un bell’impianto da 25 ettolitri.

 

Birrificio Foglie d'erba: un sorso di poesia.

Siamo a Forni di Sopra, in provincia di Udine, nelle splendide Dolomiti Friulane, dal 2009 patrimonio UNESCO: Gino Perissutti è figlio di queste zone, montane, isolate, non conosciute come meriterebbero, ma meravigliose. Persona concreta, attenta, molto esigente con le proprie birre e grande lavoratore: quando smette i panni del birraio, spesso indossa quelli del pizzaiolo, nel locale di mescita annesso all’albergo (un posto dove si sta davvero molto bene, e dove si respira un’atmosfera schietta); Gino vive tutti i giorni la bellezza che circonda il suo birrificio e la trasferisce nelle sue birre, che sono eccellenti.

 

birra foglie derba forni di sopra BABEL

 

Come la Birra Babél, prodotta con una sapiente miscela di luppoli continentali e americani (Tettnanger, Mandarina Bavaria, Citra, Chinook, Centennial, Simcoe): profumatissima, somma personalità a scorrevolezza ed è una di quelle birre che non smetteresti mai di bere. O come la Hopfelia, in cui pur aumentando grado alcolico, potenza olfattiva e livello di amaro, si mantiene una pericolosissima facilità di sorso, grazie ad un equilibrio da manuale.

 

birra foglie derba forni di sopra babel

 

La produzione e la qualità cresce di anno in anno, e crescono premi e riconoscimenti internazionali assegnati a Gino nei concorsi per mastri birrai. Altre birre artigianali prodotte nello stabilimento di Forni di Sopra sono: Golem, Songs From The Wood, Joyce, Hot Night At The Village, Nadâl, Haraban, Green Witch, Gentle Giant, Freewhellin’.

 

Quando antichi movimenti si sposano con la natura e la ricerca e unisce con la tradizione…
...nasce la birra “Foglie D’Erba”

 

Scopri di più sulla Birra Artigianale Foglie D’Erba di Forni di Sopra - Dolomiti

 

 

Published in News

Tre nuove piste e una seggiovia, PromoturismoFVG investe ad alta quota Entro il 2023 saranno completati altri 7 km di tracciati sopra i 1700 metri.

Previsti investimenti per 6 milioni di euro: così si amplierà la stagione invernale nel comprensorio sciistico più alto del Friuli Venezia Giulia.

MAPPA PISTE VARMOST 2021

Nel polo turistico di Forni di Sopra, diretto dall'ing. Francesco Pacilé, un progetto che prevede tre nuovi tracciati e una seggiovia.

Si tratta di un piano di investimenti per potenziare il demanio sciabile a Forni di Sopra grazie ai fondi che la giunta regionale ha stanziato dal 2018 a oggi per il centro dolomitico friulano.

«Un primo risultato è arrivato - precisa Stefano Mazzolini (Lega), vicepresidente del consiglio regionale si tratta della pista "Plan dai Pos", già realizzata. Avremmo dovuto inaugurarla questo inverno, ma siamo stati costretti a rimandare. È un segnale concreto degli investimenti turistici che la Regione intende fare sulla montagna del Friuli».
Con il tanto atteso - quanto tardivo - avvio della stazione sciistica, conferma il sindaco Marco Lenna, «Forni di Sopra presenterà la nuova Pista di discesa Plan dai Pos e un anello di sci da fondo di 2,5 km a 1650 metri intorno ai laghetti di innevamento». I programmi per il futuro imbastito sull'orizzonte temporale di un biennio sono ancora più ambiziosi: Mazzolini annuncia e la creazione di una seggiovia quadriposto ad aggancio fisso verso il monte Simon, con un impianto al servizio di tre tracciati, tutti in fase avanzata di progettazione: «La prima è la "Biela Cuosta", una bellissima pista molto panoramica, nata da un'idea del Direttore di polo Francesco Pacilè, la seconda si chiamerà "Monte Simon" mentre la terza è una skiweg di collegamento tra il comprensorio servito dalla seggiovia Varmost 3 e la la "Biela Cuosta" Con queste novità aggiungeremo 7 km di nuove piste in quota, una svolta per Forni di Sopra» anticipa.
Investire su impianti e tracciati a quote maggiori è una scelta che sposa un'ottica ben precisa: così facendo Forni di Sopra potrà anticipare e allungare la stagione invernale. Si tratta, infatti, di piste tutte sopra i 1700 metri di quota che si ricongiungeranno con la stazione di monte del M.te Simon, a quota 2.100. «Da lassù - segnala Mazzolini - ci sarà l'importante plus di poter ammirare nella loro maestosa bellezza le Dolomiti Friulane e Venete. Senza dimenticare, ovviamente, che si potrà sciare fino a primavera». La Regione è pronta a scommettere sul futuro di Forni di Sopra. «Desideriamo dare risposte concrete e forti alla comunità, ma anche agli imprenditori, già presenti o esterni - conclude Mazzolini -. Non posso che ringraziare l'impegno del presidente Fedriga e dell'assessore Bini. Potenziando e migliorando il demanio sciabile, la località sarà più attraente per chi vorrà realizzare nuove strutture ricettive ed alberghiere. Potremo quindi, incentivare nuovi investitori. È chiaro, però che lo sforzo pubblico deve andare di pari passo con gli investimenti privati. L'obiettivo è creare le condizioni per l'arrivo di turisti stanziali, un volano fondamentale per il turismo e tutto l'indotto».


WEBCAM LIVE VARMOST

 

Published in News

Albergo La Stube, Forni di Sopra ⭐⭐⭐

albergo la stube forni di sopra

L'ABERGO LA STUBE: La famiglia De Santa vi porge il proprio benvenuto e vi invita nel cuore della Carnia per trascorrere un piacevole soggiorno nel proprio albergo ristorante, immersi tra natura e tradizione.

CAMERE: La Stube dispone di 10 camere con servizi, all’interno delle quali troverete tutti i comfort: telefono, TV color e l’entrata al piano terra, comoda e autonoma rispetto al resto della struttura. Qui potrete riposare dopo una giornata trascorsa sulle nostre splendide montagne, che oltre alla loro naturale bellezza offrono numerose opportunità per il vostro tempo libero: lo sci, le ciaspolate dell’inverno, in estate lasciano spazio alle passeggiate, alle escursioni in mountain bike, all’arrampicata, ai trekking a cavallo…

RISTORANTE: La cucina dell'albergo 'La Stube' vi offre le specialità della cucina cadorina e carnica, presentate singolarmente o in gustosi piatti unici... La Stube è a vostra disposizione per organizzare pranzi e cene in occasioni speciali, ma anche per aperitivi e rinfreschi. Inoltre, disponiamo dell'attrezzatura per ospitare riunioni di lavoro o conferenze.

CONTATTI:
Via Nazionale 276
Telefoni: 0433.88158
Fax: 0433.886684
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Published in Alberghi

Albergo Nuoitas, Forni di Sopra ⭐⭐⭐

albergo nuoitas forni di sopra

L’albergo Ristorante Nuoitas di Forni di Sopra, nell’alta val Tagliamento, si trova in un luogo appartato, in una zona tranquilla, immerso nel verde e coronato dalle guglie delle Dolomiti Friulane.

Lo scenario che lo circonda è davvero stupendo e unico, ideale per chi cerca relax o necessita di ritrovare un ambiente incontaminato. L’azzurro del cielo si sposa con il verde dei prati circostanti, come a fare da teatro all’armonico canto degli uccelli che si miscela al fruscio delle foglie, rendendo la voce del Tagliamento percepibile solo ai più attenti.

Simbolo e prova della passione e della tenacia di Cristina e Tita, l’albergo tre stelle Nuoitas a Forni di Sopra persegue dal 1977 la filosofia della genuinità e della qualità del servizio alberghiero. La famiglia "Bandiera", particolarmente ospitale e gentile, vi aspetta per farvi trascorrere momenti di serenità indimenticabili avvolti in un ambiente naturalistico incantato.

L'albergo a tre stelle offre un servizio di mezza pensione o la formula camera e colazione; ideale per fare una vacanza a Forni di Sopra in pieno relax nella natura e gustando ottimi piatti. L’Albergo Ristorante Nuoitas, infatti, dispone anche di un ristorante e la nostra specialità è la polenta col frico.

LA SPECIALITA' DELLA CASA: Polenta e frico, questo famoso piatto friulano è il cavallo di battaglia della nostra struttura ricettiva da quasi 40 anni. Da noi viene servito nella versione classica, con formaggio e patate, e nella nostra versione esclusiva, inventato dalla fondatrice del locale, la signora Maria Cristina, composta da una morbida crema di formaggi misti selezionati..

CONTATTI:
Loc. Nuoitas
Telefoni: 0433.88387
Fax: 0433.886956

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Web: www.albergonuoitas.it

 

Published in Alberghi

LE DOLOMITI FRIULANE

Le Dolomiti Friulane sono senza dubbio le montagne più selvagge tra le catene Dolomitiche. Situate lontano da strade, strutture ed impianti, sono poco frequentate ed offrono paesaggi davvero unici.

Se cerchi un luogo in cui vivere le Dolomiti nel silenzio assoluto, le Dolomiti Friulane sono il posto giusto per te! Le guglie, i pinnacoli, le praterie alpine più selvagge non si raggiungono in macchina o con la telecabina ma bensì a piedi, percorrendo i sentieri del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, sempre ben segnalati. Rifugi e bivacchi offrono ristoro e pernottamento al cospetto delle creste e forcelle dei "monti pallidi" come vengono chiamate le Dolomiti.

Le Dolomiti Friulane e d’Oltre Piave si presentano come un gruppo montuoso unitario e compatto, una suggestiva successione di picchi e cime che regala panorami mozzafiato e scenari selvaggi ed inaspettati.

Qui puoi scaricare la mappa delle Dolomiti Friulane...

DOLOMITI FRIULANE UNESCO

Le Dolomiti Friulane si contraddistinguono per un elevato grado di wilderness. Qui, più che in altri luoghi, è possibile ammirare tutta la potenza della natura con modesti segni di antropizzazione.

MAPPA GENERALE DELLE DOLOMITI - SITO UNESCO

mappa sistemi dolomitici unesco dolomites

Clicca sulle mappe cartine delle Dolomiti per ingrandire

mappa dolomiti friulane unesco

 

LA MAPPA DELLE DOLOMITI FRIULANE

Il sistema Dolomitico numero 4 (Dolomiti Friulane e d'Oltre Piave) si estende nelle province di Udine e Pordenone e per un breve tratto anche in quella di Belluno. Ha una superficie di 21.461 ettari ed è racchiuso tra il Piave, l’alto corso del Tagliamento, la Val Tramontina e la Val Cellina.
 

Una delle viste più spettacolari delle Dolomiti Friulane si può avere anche dalla finestra di casa o dell'albergo! La Perla Alpina di Forni di Sopra (UD) consente di godersi un'alba o un tramonto spettacolare sulle Dolomiti Friulane anche dalla piazza centrale del paese. Le pareti nord-est delle Dolomiti Friulane, che sovrastano il paesino di Forni di Sopra, sono le prime ad essere illuminate dal sole di mattina. Il momento in cui il primo sole illumina le Dolomiti è uno straordinario dono della natura. Il fenomeno è chiamato Enrosadira e si ripete ad ogni alba ed ogni tramonto col bel tempo:  la roccia chiara delle Dolomiti assume uno spattacolare colore tra il rosa e l'arancione con sfumature diverse a seconda delle condizioni meteo.

 

dolomiti friulane enrosadira fornidisopra

La grande Forcella Scodavacca, assieme al Campanile di Val Montanaia è uno dei simboli delle Dolomiti Friulane. La forcella è facilmente raggiungibile dal Rifugio Giaf a Forni di Sopra.


Quali sono le cime principali delle Dolomiti Friulane?

Da nord a sud ecco il Cridola (2.581 m), i Monfalconi (Cima Monfalcon 2.548 m) – al cui interno si trova lo spettacolare Campanile di Val Montanaia (2.173 m) – gli Spalti di Toro (Cadin di Toro 2.386 m) e il gruppo Duranno (2.652 m)-Cima Preti (2.706 m).

Clicca qui per vedere le foto delle Dolomiti Friulane e d'Oltrepiave

 

Il Parco naturale delle Dolomiti Friulane

L’emozione vi coglie al primo contatto, bastano pochi passi e vi troverete subito in un paradiso naturale incontaminato. Estese vallate, prive di viabilità principale e di centri abitati, si addentrano tra vette dolomitiche elevando il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane al grado di “wilderness”, ideale per escursioni di tipo naturalistico ed il trekking. Lontano dalla confusione cittadina e dal logorio della vita moderna, ci si trova in una quiete silenziosa, fattore importante per migliorare la qualità della vita. Camminate contemplative, scalate su roccia; osservare la natura o semplicemente rilassarsi in un dolce far niente.
 

Chi sono i protagonisti del parco delle Dolomiti Friulane? 

Voler volare, è il primo desiderio che vi prende quando osservate in silenzio il maestoso volo dell’aquila reale, unica vera regina di ogni valle. Oppure la voglia di saltare come il branco di stambecchi che potreste incontrare lungo i ripidi sentieri. Tutto il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane pullula di vita, è facile incontrare, sul vostro cammino, gruppi di caprioli, camosci e cervi e lei, l'aquila, la regina delle Alpi. Vedere galli forcelli o galli cedroni fuggire al vostro passaggio. Osservare giovani marmotte rincorrersi. Momenti indimenticabili! 
 
 

IN VOLO SULLE GUGLIE DELLE DOLOMITI FRIULANE

Un filo conduttore collega il destino di guglie e pinnacoli dolomitici a quello del nostro pianeta: tutti in equilibrio, ma anche in pericolo a causa delle mutazioni climatiche. Il video "Cacciatori di Guglie" racconta in sintesi l'attività di ricerca dei più suggestivi pinnacoli delle Dolomiti Friulane.

Circondato dalle guglie dei Monfalconi, che si stagliano verso il cielo al centro di un catino glaciale, ecco che si innalza, solitario e stupefacente, il Campanile di Val Montanaia, simbolo universale delle guglie dolomitiche. Il campanile di Val Montanaia si può raggiungere anche da Forni di Sopra seguendo l'itinerario: Rifugio Giaf, Forcella Cason, Bivacco Marchi Granzotto, Forcella del Leone, Forcella Cimoliana (impegnativa). La Val di Suola e la Valle di Giaf  sono l'ingresso verso le maestose pareti dei Monfalconi, del Cridola e del Pramaggiore, circondati da guglie infinite. 
 

escursionismo Campanile di Val Montanaia


VARMOST: IL PUNTO PIU' PANORAMICO SULLE DOLOMITI FRIULANE

VARMOST VISTA SULLE DOLOMITI FRIULANE

dolomiti friulane forni di sopra

 

Malga Varmost, un luogo speciale per osservare le Dolomiti:

Esiste un luogo unico che consente una vista straordinaria sulle Dolomiti Friulane: La malga Varmost, situata a quota 1800 metri é una vera e propria finestra sulle Dolomiti. Da qui tutti possono ammirare l'intera catena montuosa delle Dolomiti Friulane, dal monte Pramaggiore ai Monfalconi, al gruppo del Cridola e poco più in la, le Tre cime di Lavaredo, la Croda dei Toni ed i grandiosi Antelao, Cristallo, Sorapiss, Pelmo, Civetta, Marmolada. La malga Varmost è facilmente reggiungibile con le omonime seggiovie, d'invermo per sciare e d'estate per le escursioni lungo il sentiero delle malghe ed il panoramico Monte Simon.

 dolomiti friulane forni di sopra varmost

 

L’inverno tra neve e ghiaccio nelle Dolomiti Friulane

D’inverno invece, il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane brilla di una luce particolare ed il paesaggio diventa fiabesco. Passeggiate con sci da fondo o con racchette da neve, sci alpinismo per luoghi silenziosi e pieni di magia, si organizzano corsi di arrampicata su cascate ghiacciate che rappresentano le attrazioni da brivido che potete provare nei mesi invernali. Riscoprite il lato positivo del sottozero!

 

L’estate tra profumi e colori delle Dolomiti Friulane

Immaginatevi un cielo blu intenso, valli verde brillante, montagne rosse per il tramonto, sentire il gorgoglio dei limpidi ruscelli: ecco, voi siete nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane. 37.000 ettari di colori e profumi. Rimarrete incantati davanti alla bianca e delicatissima Arenaria di Huter o dalla Genziana di Froelich dall’azzurro intenso, mentre il profumo della natura infonde una sensazione di benssere immediata. Ovunque si respira freschezza, odori forti come il pino mugo, oppure delicati come quello dell’orchidea selvatica.
 
dolomiti friulane viste da varmost
 

Centro visite del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane

Mostra: "la vegetazione nel Parco"

parco dolomiti friulane

Parco Naturale delle Dolomiti Friulane
Via Vittorio Veneto 1 - Forni di Sopra
Ingresso gratuito
 
Informazioni Turistiche Forni di Sopra e Dolomiti Friulane:
Promoturismo FVG Forni di Sopra:
TEL: +39.0433.886767
EMAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Le fantastiche guglie delle Dolomiti Friulane.

Monti di Tor, gruppo del Cridola a Forni di Sopra. Punta Savorgnana, m. 2360, ascensione partendo dal Rifugio Giaf.

VIDEO DOLOMITI FRIULANE - D'OLTREPIAVE:

DOLOMITI FRIULANE - FORNI DI SOPRA

Immagini dei monti pallidi, proclamati Patrimonio dell'Umanità

Published in Immagini