LE DOLOMITI FRIULANE

Le Dolomiti Friulane sono senza dubbio le montagne più selvagge tra le catene Dolomitiche. Situate lontano da strade, strutture ed impianti, sono poco frequentate ed offrono paesaggi davvero unici.

Se cerchi un luogo in cui vivere le Dolomiti nel silenzio assoluto, le Dolomiti Friulane sono il posto giusto per te! Le guglie, i pinnacoli, le praterie alpine più selvagge non si raggiungono in macchina o con la telecabina ma bensì a piedi, percorrendo i sentieri del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, sempre ben segnalati. Rifugi e bivacchi offrono ristoro e pernottamento al cospetto delle creste e forcelle dei "monti pallidi" come vengono chiamate le Dolomiti.

Le Dolomiti Friulane e d’Oltre Piave si presentano come un gruppo montuoso unitario e compatto, una suggestiva successione di picchi e cime che regala panorami mozzafiato e scenari selvaggi ed inaspettati.

Qui puoi scaricare la mappa delle Dolomiti Friulane...

DOLOMITI FRIULANE UNESCO

Le Dolomiti Friulane si contraddistinguono per un elevato grado di wilderness. Qui, più che in altri luoghi, è possibile ammirare tutta la potenza della natura con modesti segni di antropizzazione.

MAPPA GENERALE DELLE DOLOMITI - SITO UNESCO

mappa sistemi dolomitici unesco dolomites

Clicca sulle mappe cartine delle Dolomiti per ingrandire

mappa dolomiti friulane unesco

 

LA MAPPA DELLE DOLOMITI FRIULANE

Il sistema Dolomitico numero 4 (Dolomiti Friulane e d'Oltre Piave) si estende nelle province di Udine e Pordenone e per un breve tratto anche in quella di Belluno. Ha una superficie di 21.461 ettari ed è racchiuso tra il Piave, l’alto corso del Tagliamento, la Val Tramontina e la Val Cellina.
 

Una delle viste più spettacolari delle Dolomiti Friulane si può avere anche dalla finestra di casa o dell'albergo! La Perla Alpina di Forni di Sopra (UD) consente di godersi un'alba o un tramonto spettacolare sulle Dolomiti Friulane anche dalla piazza centrale del paese. Le pareti nord-est delle Dolomiti Friulane, che sovrastano il paesino di Forni di Sopra, sono le prime ad essere illuminate dal sole di mattina. Il momento in cui il primo sole illumina le Dolomiti è uno straordinario dono della natura. Il fenomeno è chiamato Enrosadira e si ripete ad ogni alba ed ogni tramonto col bel tempo:  la roccia chiara delle Dolomiti assume uno spattacolare colore tra il rosa e l'arancione con sfumature diverse a seconda delle condizioni meteo.

 

dolomiti friulane enrosadira fornidisopra

 

Quali sono le cime principali delle Dolomiti Friulane?

Da nord a sud ecco il Cridola (2.581 m), i Monfalconi (Cima Monfalcon 2.548 m) – al cui interno si trova lo spettacolare Campanile di Val Montanaia (2.173 m) – gli Spalti di Toro (Cadin di Toro 2.386 m) e il gruppo Duranno (2.652 m)-Cima Preti (2.706 m).

Clicca qui per vedere le foto delle Dolomiti Friulane e d'Oltrepiave

 

Il Parco naturale delle Dolomiti Friulane

L’emozione vi coglie al primo contatto, bastano pochi passi e vi troverete subito in un paradiso naturale incontaminato. Estese vallate, prive di viabilità principale e di centri abitati, si addentrano tra vette dolomitiche elevando il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane al grado di “wilderness”, ideale per escursioni di tipo naturalistico ed il trekking. Lontano dalla confusione cittadina e dal logorio della vita moderna, ci si trova in una quiete silenziosa, fattore importante per migliorare la qualità della vita. Camminate contemplative, scalate su roccia; osservare la natura o semplicemente rilassarsi in un dolce far niente.
 

Chi sono i protagonisti del parco delle Dolomiti Friulane? 

Voler volare, è il primo desiderio che vi prende quando osservate in silenzio il maestoso volo dell’aquila reale, unica vera regina di ogni valle. Oppure la voglia di saltare come il branco di stambecchi che potreste incontrare lungo i ripidi sentieri. Tutto il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane pullula di vita, è facile incontrare, sul vostro cammino, gruppi di caprioli, camosci e cervi e lei, l'aquila, la regina delle Alpi. Vedere galli forcelli o galli cedroni fuggire al vostro passaggio. Osservare giovani marmotte rincorrersi. Momenti indimenticabili! 
 
 

 
Consulta qui l'Erbario di Giovanni Caposassi con oltre 1000 piante catalogate nel Parco delle Dolomiti Friulane e dintorni:
 
BANNER ERBARIO 700
 
 dolomiti friulane forni di sopra varmost

L’inverno tra neve e ghiaccio nelle Dolomiti Friulane

D’inverno invece, il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane brilla di una luce particolare ed il paesaggio diventa fiabesco. Passeggiate con sci da fondo o con racchette da neve, sci alpinismo per luoghi silenziosi e pieni di magia, si organizzano corsi di arrampicata su cascate ghiacciate che rappresentano le attrazioni da brivido che potete provare nei mesi invernali. Riscoprite il lato positivo del sottozero!

L’estate tra profumi e colori delle Dolomiti Friulane

Immaginatevi un cielo blu intenso, valli verde brillante, montagne rosse per il tramonto, sentire il gorgoglio dei limpidi ruscelli: ecco, voi siete nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane. 37.000 ettari di colori e profumi. Rimarrete incantati davanti alla bianca e delicatissima Arenaria di Huter o dalla Genziana di Froelich dall’azzurro intenso, mentre il profumo della natura infonde una sensazione di benssere immediata. Ovunque si respira freschezza, odori forti come il pino mugo, oppure delicati come quello dell’orchidea selvatica.

IN VOLO SULLE GUGLIE DELLE DOLOMITI FRIULANE

Un filo conduttore collega il destino di guglie e pinnacoli dolomitici a quello del nostro pianeta: tutti in equilibrio, ma anche in pericolo a causa delle mutazioni climatiche. Il video "Cacciatori di Guglie" racconta in sintesi l'attività di ricerca dei più suggestivi pinnacoli delle Dolomiti Friulane.

Circondato dalle guglie dei Monfalconi, che si stagliano verso il cielo al centro di un catino glaciale, ecco che si innalza, solitario e stupefacente, il Campanile di Val Montanaia, simbolo universale delle guglie dolomitiche. Il campanile di Val Montanaia si può raggiungere anche da Forni di Sopra seguendo l'itinerario: Rifugio Giaf, Forcella Cason, Bivacco Marchi Granzotto, Forcella del Leone, Forcella Cimoliana (impegnativa). La Val di Suola e la Valle di Giaf  sono l'ingresso verso le maestose pareti dei Monfalconi, del Cridola e del Pramaggiore, circondati da guglie infinite. 
 

escursionismo Campanile di Val Montanaia


VARMOST: IL PUNTO PANORAMICO SULLE DOLOMITI FRIULANE

VARMOST VISTA SULLE DOLOMITI FRIULANE

dolomiti friulane forni di sopra

 

Malga Varmost, un luogo speciale per osservare le Dolomiti:

Esiste un luogo unico che consente una vista straordinaria sulle Dolomiti Friulane: La malga Varmost, situata a quota 1800 metri é una vera e propria finestra sulle Dolomiti. Da qui tutti possono ammirare l'intera catena montuosa delle Dolomiti Friulane, dal monte Pramaggiore ai Monfalconi, al gruppo del Cridola e poco più in la, le Tre cime di Lavaredo, la Croda dei Toni ed i grandiosi Antelao, Cristallo, Sorapiss, Pelmo, Civetta, Marmolada. La malga Varmost è facilmente reggiungibile con le omonime seggiovie, d'invermo per sciare e d'estate per le escursioni lungo il sentiero delle malghe ed il panoramico Monte Simon.

Centro visite del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane

Mostra: "la vegetazione nel Parco"

parco dolomiti friulane

Parco delle Dolomiti Friulane
Via Vittorio Veneto 1 - Forni di Sopra
Ingresso gratuito
 
Informazioni Turistiche Forni di Sopra e Dolomiti Friulane:
Promoturismo FVG Forni di Sopra:
TEL: +39.0433.886767
EMAIL: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.